Inizia la seconda stagione della rivista!

Ricca nell’essenziale, piccola ma curatissima, italiana e cosmopolita, autoprodotta ma mai referenziale, gratuita ma cara, molto cara. Dopo dodici mesi d’attività, cinque numeri pubblicati e un altro in arrivo, un inserto speciale e tante compagne e compagni di viaggio, inizia il secondo anno di Grande Kalma con il numero cinque in uscita il cinque dicembre. Grazie a tutti quelli che hanno partecipato a questo numero proponendo un racconto. Anche se questa chiamata è chiusa sono sempre disposto a valutare testi per i numeri futuri, per inviare un racconto basta seguire le poche indicazioni che fornisco alla voce Contatti.

Scrittrici, scrittori! Grande Kalma è alla ricerca di racconti per il numero cinque della rivista.

Esopo di Diego Velázquez

Esopo di Diego Velázquez è un olio su tela conservato al museo del Prado di Madrid. Guardatelo negli occhi, meglio dal vivo, non vedete dentro tutte le favole del mondo? E voi ne avete? La rivista è alla ricerca di racconti brevi per il sesto numero, che sarà un numero speciale perché uscirà i primi di dicembre, in corrispondenza del primo compleanno di Grande Kalma. Alla voce Contatti troverete le poche regole da rispettare, indispensabili per ricevere un riscontro sia in caso di esito positivo che negativo: https://grandecalma.com/contact/

A tutti quelli che hanno già inviato un testo chiedo di attendere il mio riscontro via e-mail; inutile dire che per inviare una email è indispensabile aver messo il vostro indirizzo di posta elettronica nel file con il racconto. La call è rivolta anche a illustratrici e illustratori, fotografi e poeti visuali per quanto riguarda la copertina ed eventuali illustrazioni nel corpo della rivista. Per sottoporre del materiale bisogna inviare una email e allegare una prova del proprio lavoro, anche portfolio, e una biografia breve scritta in terza persona. I temi della rivista sono il cambiamento individuale e collettivo, la consapevolezza di sé, la creatività come azione, gesto di scelta. Alla voce contatti troverete ulteriori indicazioni: come per l’invio di racconti, le regole sono pochissime ma vanno pedissequamente rispettate.

Antonio Panico

Il numero quattro di Grande Kalma è online

Illustrazione di Cristina Basile

In questo numero

Editoriale di Antonio Panico

Racconti di Rodrigo Ciríaco, Gianmarco Parodi, Annalisa Maitilasso e Mattia Cecchini

Traduzione di Consuelo Peruzzo

Copertina di Cristina Basile

La rivista è consultabile scaricando il pdf:

Oppure sfogliandola su Issuu:

Presentazione ospite

Per il numero quattro di Grande Kalma, in uscita il cinque settembre, ritorna l’ospite dall’America Latina, lusofono questa volta, brasiliano ovviamente, e specificare la nazionalità nel caso di Rodrigo Ciríaco è fondamentale perché la sua scrittura affonda le radici nella sua terra, quella San Paolo in cui lavora come educatore e in cui, negli ultimi anni, ha contribuito a sviluppare progetti di lettura e diffusione letteraria che hanno coinvolto studenti delle scuole municipali. Quella di Rodrigo Ciríaco non è una letteratura che gira intorno al proprio ombelico e nel racconto che proporremo, in lingua originale e tradotto, potete assaporare una prosa cruda e viscerale, in cui il suono ammaliante della lingua non distrae dalla narrazione di matrice marcatamente realista. Grande Kalma è lieta di ospitare quest’autore e di tenere stretto il legame che abbiamo creato con le autrici e gli autori di un continente che non smette di sorprenderci mai, non solo con gli scrittori di punta che trovano l’approvazione di addetti ai lavori e pubblico, ma anche con nuovi talenti disposti a regalarci le perle che abbiamo letto finora.

Grande Kalma va in vacanza

La rivista si prende un meritato periodo di riposo, anche se il numero quattro è pronto si possono inviare proposte per i numeri successivi seguendo le indicazioni della pagina contatti; ovviamente i tempi di risposta saranno più lunghi del solito. I prossimi appuntamenti sono:

22 agosto 2021: presentazione dell’ospite internazionale del numero quattro.

5 settembre 2021: uscita del numero quattro di Grande Kalma in pdf da scaricare e magazine virtuale da sfogliare.

Il numero tre di Grande Kalma è online

In questo numero

Editoriale di Antonio Panico

Racconti di Antiniska Pozzi, Ilaria Salvatori, Valentina Scelsa e Virginia Benenati.

Frasi e poesie tratte dall’archivio di Batania (Neorabbioso)

Quattro racconti e poi le immagini tratte dall’archivio di Neorabbioso, ospite speciale per questo numero, che poi sono immagini tra virgolette, poesie che si vedono passeggiando per le strade o bazzicando la rete. Nell’editoriale ho scritto due parole su questo tipo di poesia e perché la trovo interessante e aggiornata, con un futuro. Per i racconti mi ispiro sempre a un criterio di gusto e qualità, provando a scegliere chi è capace non solo di scrivere ma anche di aggiungere qualcosa alla nostra ricerca, al senso di una narrativa che essendo micro acquisisce ancora più valore; spero che il mio editoriale invogli lettrici e lettori ad andare avanti.

La rivista è consultabile scaricando il pdf:

Oppure sfogliandola su Issuu:

La selezione per il numero quattro è chiusa ma siamo ancora alla ricerca di un artista per la copertina e l’illustrazione finale!

La selezione di racconti per il numero quattro della rivista è chiusa, chi non ha ancora ricevuto un riscontro deve attenderlo per i prossimi giorni. Sono stati presi in considerazione tutti i testi inviati entro oggi, resta aperto l’invito per illustratrici e illustratori, ma anche fotografi, poeti visuali. Per sottoporre del materiale bisogna inviare una email a panicocopywriter@gmail.com e allegare una prova del proprio lavoro, anche portfolio, e una biografia breve scritta in terza persona. I temi della rivista sono il cambiamento individuale e collettivo, la consapevolezza di sé, la creatività come azione, gesto di scelta. Per maggiori dettagli consiglio sempre di dare uno sguardo ai primi tre numeri per capire l’orientamento di Grande Kalma. Per ulteriori informazioni sulle modalità di partecipazione fate riferimento alla sezione contatti del blog: https://grandecalma.com/contact/

Ringrazio tutte e tutti per la partecipazione, anche questa volta il livello è stato alto. Trovo sempre stimolante e fecondo lo scambio che si crea prima della creazione di un numero; forse è la parte più bella di questo percorso.

Un assaggio del numero tre in uscita il primo giugno!

Una mia nota scritta in una fredda giornata di febbraio per presentarvi il prossimo numero di Grande Kalma!

Stamattina ho avuto uno scambio di e-mail con Batania, il poeta (o la poetessa?) che è diventato noto sui social network per via di un’originalissima iniziativa artistica e poetica. Gli ho chiesto (o le ho chiesto?) di poter utilizzare alcune delle sue poesie o frasi come parte visuale per il numero tre della rivista, in uscita a giugno di quest’anno. Credo che la poesia urbana di Batania sia magnifica, aggiornata rispetto all’epoca in cui viviamo, i cambiamenti della città e della tecnologia. È una poesia che si articola attraverso frasi brevi, secche, a volte veri e propri aforismi lontani sia dai versi che dalla poesia narrativa. C’è anche visceralità, un populismo latente, un richiamo alla vita: qualcosa come un rock primitivo. Le sue frasi si possono trovare sui muri e i cassonetti della città di Madrid. Nelle ultime settimane, poi, uno sciopero dei netturbini ha reso visivamente la sua poesia ancora più impattante: tra cumoli di monnezza e sacchetti che invadono i marciapiedi i passanti possono dedicarsi anche solo un attimo di poesia, riflessione, introspezione. Mi piace, è una poesia di risveglio, diretta e profonda, si adatta bene anche alle regole della comunicazione contemporanea: perfette per un Tweet o per una foto su Instagram. Mi ha ricordato un po’ Antonio Porchia, il poeta calabrese emigrato da ragazzino in Argentina, e il suo libro di aforismi Voces; credo l’unico che abbia mai scritto. Vedo un modo nuovo di leggere dietro questa forma d’espressione, un approccio anti-libresco che mi auguro venga approfondito e non si disperda tra muri sozzi e insulse bacheche digitali. Proverò in qualche modo a dare un contributo con il numero tre di Grande Kalma. In futuro diventerà sempre più difficile leggere e la creatività fa, si evolve e si adatta, penetra tra le maglie strette della città e gli algoritmi che regolano il traffico della rete.

Di seguito un breve assaggio di frasi selezionate da me, accostando queste due poetiche che richiamano a mondi e generazioni molto diverse.

La traduzione dal castigliano all’italiano è mia:

L’amore è sempre un neologismo.

(Batania)

La morte è tutta la vita, non la sua conclusione.

(Batania)

Non sprecate tutta la paura: conservatene un po’ per il dopo pandemia.

(Batania)

Ho conosciuto rive peggiori del naufragio.

(Batania)

Con la mia bocca nella tua non sono più ateo.

(Batania)

Prima di percorre il mio cammino io ero il mio cammino.

(Antonio Porchia)

L’uomo non va da nessuna parte. Tutto viene all’uomo, come il domani.

(Antonio Porchia)

La mia povertà non è totale: manco io.

(Antonio Porchia)

La ragione si perde ragionando.

(Antonio Porchia)

La montagna che ho alzato mi chiede un granello di sabbia per restare in piedi.

(Antonio Porchia)

L’uomo, quando non si lamenta, quasi non esiste.

(Antonio Porchia)

Da leggere e da vedere!

Melody Moon Lepore, Guillermo Deisler, Ferdinando Riccio!

Tre visual stories, un omaggio a chi con disegni, poesie visive e fotografie ha contribuito ai primi tre numeri della rivista.

Numero zero dicembre 2020

https://amp.issuu.com/visual-stories/a6gZRCA4qfa

Numero uno febbraio 2021

https://amp.issuu.com/visual-stories/Sk9ACyrCqsO

Numero due aprile 2021

https://amp.issuu.com/visual-stories/XhJqfAV1eUC

Autrici, Autori: Grande Kalma è alla ricerca di racconti per il numero quattro che uscirà a settembre!

Scrittrici, scrittori. Sto lavorando al numero quattro della rivista che uscirà, verosimilmente, il primo settembre 2021 e sto cercando racconti che possono essere inviati tenendo presente le indicazioni che fornisco alla sezione contatti del blog della rivista: https://grandecalma.com/contact/ Come sempre accetto anche proposte di artisti visuali, magari dare uno sguardo ai primi tre numeri può aiutarvi a orientarvi o anche solo a capire se il progetto sia di vostro gradimento o no: https://grandecalma.com/blog/

Il quadro che ho scelto per questo post è Autoritratto di gruppo di Almada Negreiros, figura chiave del movimento modernista portoghese di cui ricorre oggi l’anniversario della nascita. Sono due donne e due uomini seduti ai tavolini del mitico Café A Brasileira di Lisbona, se fossero contemporanei sarebbero sicuramente dei lettori di Grande Kalma.

A breve qualche indiscrezione sul numero tre in uscita il primo giugno, nel frattempo ringrazio tutte le autrici e gli autori che mi hanno inviato un contributo e a cui in questi giorni ho scritto una e-mail; anche tra i racconti scartati ho trovato tanta qualità.