Scrittrici, scrittori! Grande Kalma è alla ricerca di racconti per il numero cinque della rivista.

Esopo di Diego Velázquez

Esopo di Diego Velázquez è un olio su tela conservato al museo del Prado di Madrid. Guardatelo negli occhi, meglio dal vivo, non vedete dentro tutte le favole del mondo? E voi ne avete? La rivista è alla ricerca di racconti brevi per il sesto numero, che sarà un numero speciale perché uscirà il primo dicembre 2021: il primo compleanno di Grande Kalma. Alla voce Contatti troverete le poche regole da rispettare, indispensabili per ricevere un riscontro sia in caso di esito positivo che negativo: https://grandecalma.com/contact/

A tutti quelli che hanno già inviato un testo chiedo di attendere il mio riscontro via e-mail; inutile dire che per inviare una email è indispensabile aver messo il vostro indirizzo di posta elettronica nel file con il racconto. La call è rivolta anche a illustratrici e illustratori, fotografi e poeti visuali per quanto riguarda la copertina ed eventuali illustrazioni nel corpo della rivista. Per sottoporre del materiale bisogna inviare una email e allegare una prova del proprio lavoro, anche portfolio, e una biografia breve scritta in terza persona. I temi della rivista sono il cambiamento individuale e collettivo, la consapevolezza di sé, la creatività come azione, gesto di scelta. Alla voce contatti troverete ulteriori indicazioni: come per l’invio di racconti, le regole sono pochissime ma vanno pedissequamente rispettate.

Antonio Panico

Grande Kalma va in vacanza

La rivista si prende un meritato periodo di riposo, anche se il numero quattro è pronto si possono inviare proposte per i numeri successivi seguendo le indicazioni della pagina contatti; ovviamente i tempi di risposta saranno più lunghi del solito. I prossimi appuntamenti sono:

22 agosto 2021: presentazione dell’ospite internazionale del numero quattro.

5 settembre 2021: uscita del numero quattro di Grande Kalma in pdf da scaricare e magazine virtuale da sfogliare.

Il numero tre di Grande Kalma è online

In questo numero

Editoriale di Antonio Panico

Racconti di Antiniska Pozzi, Ilaria Salvatori, Valentina Scelsa e Virginia Benenati.

Frasi e poesie tratte dall’archivio di Batania (Neorabbioso)

Quattro racconti e poi le immagini tratte dall’archivio di Neorabbioso, ospite speciale per questo numero, che poi sono immagini tra virgolette, poesie che si vedono passeggiando per le strade o bazzicando la rete. Nell’editoriale ho scritto due parole su questo tipo di poesia e perché la trovo interessante e aggiornata, con un futuro. Per i racconti mi ispiro sempre a un criterio di gusto e qualità, provando a scegliere chi è capace non solo di scrivere ma anche di aggiungere qualcosa alla nostra ricerca, al senso di una narrativa che essendo micro acquisisce ancora più valore; spero che il mio editoriale invogli lettrici e lettori ad andare avanti.

La rivista è consultabile scaricando il pdf:

Oppure sfogliandola su Issuu:

Autrici, Autori: Grande Kalma è alla ricerca di racconti per il numero quattro che uscirà a settembre!

Scrittrici, scrittori. Sto lavorando al numero quattro della rivista che uscirà, verosimilmente, il primo settembre 2021 e sto cercando racconti che possono essere inviati tenendo presente le indicazioni che fornisco alla sezione contatti del blog della rivista: https://grandecalma.com/contact/ Come sempre accetto anche proposte di artisti visuali, magari dare uno sguardo ai primi tre numeri può aiutarvi a orientarvi o anche solo a capire se il progetto sia di vostro gradimento o no: https://grandecalma.com/blog/

Il quadro che ho scelto per questo post è Autoritratto di gruppo di Almada Negreiros, figura chiave del movimento modernista portoghese di cui ricorre oggi l’anniversario della nascita. Sono due donne e due uomini seduti ai tavolini del mitico Café A Brasileira di Lisbona, se fossero contemporanei sarebbero sicuramente dei lettori di Grande Kalma.

A breve qualche indiscrezione sul numero tre in uscita il primo giugno, nel frattempo ringrazio tutte le autrici e gli autori che mi hanno inviato un contributo e a cui in questi giorni ho scritto una e-mail; anche tra i racconti scartati ho trovato tanta qualità.

Grande Kalma Consiglia

Oggi, edito da Divergenze edizioni, esce Je suis Charlie di Eva Luna Mascolino, autrice pubblicata nel numero zero di Grande Kalma. Je suis Charlie narra delle vicissitudini di Jean-René Leroy, vignettista di Charlie Hebdo il quale, in fuga da Parigi, si inventa un blocco dello scrittore per poi esiliarsi in un borgo della Sicilia. Al ritorno non da notizie di sé fino a che apprende dell’attacco alla sede della rivista. La sua storia, tra invenzione e realtà, è stata ricostruita in questo racconto con cui l’autrice ha vinto il premio Campiello giovani del 2015.

Presentazione ospite

Per il terzo numero di Grande Kalma l’ospite viene di nuovo dall’America Latina, anche se a lei l’identificazione con un luogo ( e una disciplina creativa) sta un po’ stretta. Lalo Barrubia è poeta, performer e scrittrice. Uruguaiana, vive da diversi anni a Malmö, in Svezia. Il numero due della rivista, in uscita il primo aprile, sarà aperto da un suo racconto tradotto da me in italiano. Sono contento per la sua partecipazione, perché è un’autrice di talento, perché il legame tra Grande Kalma e la lingua spagnola si fa ancora più solido e perché ci regala – tra argot e visioni distorte – una storia intensissima. La Milieu edizioni pubblicherà a breve il suo romanzo Picchiami che mi piace, e noi siamo lieti di introdurre Lalo Barrubia alle lettrici e ai lettori italiani.

Una prima traccia del secondo numero della rivista!

Conoscete Joan Brossa? Avete dimestichezza con il concetto di una poesia che si vede (e si legge) ? Ma soprattutto, che cosa c’entra con Grande Kalma? Lo scoprirete il primo febbraio, sfogliando le pagine del numero uno della rivista che, oltre a quattro racconti inediti, ospiterà le opere di un distaccato poeta visuale, ancora una volta con una traiettoria cosmopolita e intergenerazionale. Sarà un azzardo accostare l’arte contemporanea ai racconti brevi? Staremo a vedere, ognuno giudicherà con i suoi occhi e la sua testa. Io credo credo che sia un pericolo allontanare la letteratura da tutto il resto, che sia la vita (quella vera) o altre discipline creative. Che cos’è in fin dei conti una rivista indipendente? Una casa che ospita creazioni letterarie, dico io, partorite da menti sopraffine e scappati di casa, donne e uomini che, nella loro diversità, si uniscono in una ricerca.

Kalm down – supplemento di Grande Kalma – è online

Per la prima uscita di Kalm Down, nel Natale di un anno così difficile e surreale, abbiamo scelto di omaggiare Enrique Vila Matas, uno scrittore che amiamo nel profondo e di cui non riusciamo a stancarci mai. Per il primo numero del supplemento avremo interventi di Giovanni Dozzini, Emmanuel Di Tommaso e Antonio Panico. Ognuno degli autori coinvolti ha raccontato la storia della sua passione per lo scrittore catalano ponendo l’accento su di un libro in particolare, con la voglia di condividere ma anche di affermare la sana gelosia che ci lega a un’opera che leggendola diventa nostra.

Intelligente, ecosostenibile ed economico: il supplemento è consultabile scaricando il pdf:

Tanti auguri di buon Natale alle lettrici e ai lettori di Grande Kalma!